LA NOSTRA DEMOCRAZIA

Pubblicato il da poesieantonio

   Lettera inviata a "Il Messaggero" di Roma   

 

 

LA NOSTRA DEMOCRAZIA

 

 Resta da vedere se la nostra è una vera Democrazia. Tutti si riempiono la bocca urlando la necessità di fare le grandi riforme e poi ci troviamo sempre con il sedere per terra, con un numero di parlamentari tre volte superiore a Stati che ci sovrastano per territori e per numero di abitanti. Abbiamo ancora "Regi Decreti" del....abbiamo leggi che necessitano di una legge per interpretarle, abbiamo una  giustizia (?) mastodontica e macchinosa. Ricerca inesistente, Scuole che cadono a pezzi, Sanità disastrata,un'industria che non riesce a decollare e a modernizzarsi, spesso per l'altissimo costo del lavoro, fiumi di soldi che si buttano per idiozie. pensioni e trattamenti faraonici che fanno da contr'altare a pensioni da fame, il diritto alla casa menzionato nella Costituzione ma completamente disatteso nella realtà, Room che non hanno alcuna intenzione di integrarsi e continuano a delinquere e a sbeffeggiare  le regole del vivere civilmente senza che ci sia la reazione appropriata da parte delle autorità. Marciapiedi invasi da ciclisti,  motociclisti ed escrementi di cani guidati da padroni maleducati..............e noi difendiamo a spada tratta il ladro di turno che esso sia di sinistra o di destra. Tutto ciò è squallido. Quando inizieremo a parlare e sopratutto a risolvere gli annosi e gravissimi problemi degli italiani? Quando torneranno nel nostro vocabolario educazione e rispetto.     

   Un saluto alla redazione da Antonio Manca da Roma
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post